202012.14
1

Termine ultimo per approvare il Regolamento sul Canone Unico

Si avvicina la scadenza del 31 dicembre 2020 prevista dalla legge 27 dicembre 2019, n. 160 per l’approvazione, da parte dei Comuni, delle Province e delle Città Metropolitane:

  • del regolamento che disciplina il “canone patrimoniale di concessione, autorizzazione o esposizione pubblicitaria” previsto dal comma 816, anche noto come canone unico;
  • del regolamento che disciplina il canone di concessione per l’occupazione delle aree e degli spazi appartenenti al demanio o al patrimonio indisponibile, destinati a mercati realizzati anche in strutture attrezzate, previsto dal comma 837.

In vista del passaggio da un regime tributario ad uno di tipo patrimoniale caratterizzato da un sistema di regole predefinite negli atti rilasciati da Comuni, Città Metropolitane e Province, lo Studio Legale Finocchiaro Formentin Saracco e Associati ha già sviluppato modelli tipo di entrambi i regolamenti, al fine di accompagnare gli Enti locali coinvolti nel processo di adeguamento.

Il modello di regolamento di disciplina del “canone unico”, in particolare, è stato studiato per rispondere naturalmente alle esigenze dei Comuni medio-piccoli, che rappresentano la maggioranza degli oltre ottomila Enti dislocati sul territorio nazionale.

Il regolamento, di cui si offre in preview la struttura dell’articolato, è realizzato secondo regole di immediata leggibilità, di modo da essere fruibile per l’utente esperto ma anche il semplice cittadino, e da essere rapidamente adattabile ai diversi contesti territoriali.

Entrambi i regolamenti si prestano, perciò, a personalizzazioni su misura (c.d. tailor made), secondo le richieste di ciascun Ente, in un’ottica di efficienza coerente con l’approssimarsi della scadenza prevista dalla legge.

Cliccando sul link ipertestuale sarà possibile visualizzare una bozza di sommario del regolamento proposta dallo Studio Legale Finocchiaro Formentin Saracco e Associati.

Lo Studio resta a disposizione per qualsiasi ulteriore richiesta in merito.